Al volante della giapponesina: Suzuki Swift 4×4

Piccina e superdotata! Non è  la priva volta che mi trovo al volante della Swift, ma questa volta è in versione 4×4 benzina 1.200 cc con motore Dualjet 5 porte…

Piccina e superdotata!

Non è  la priva volta che mi trovo al volante della Swift, ma questa volta è in versione 4×4 benzina 1.200 cc con motore Dualjet 5 porte e con cambio manuale 5 marce.

Diciamolo subito”lei” è l’unica berlina versione del segmento B a poter vantare un sistema di trazione integrale, un “plus” molto interessante in quanto non ha davvero concorrenti.
Cosa guarda una donna in questa vettura?
Di certo non i cerchioni …ma il 4×4, una sicurezza per chi non vuole trovarsi in difficoltà nel mezzo di una tempesta di neve o su fondi ghiacciati ma anche in un viottolo fangoso;

ideale a 360gradi dalla montagna al mare, alla città dove può vantare una compatezza notevole in rapporto allo spazio nell’abitacolo. Una 4×4 con gestione elettronica della ripartizione della coppia: la centralina quando avverte perdita di motricità all’anteriore inizia a chiamare in causa le ruote posteriori.
Secondo il bagagliaio che ahimè non è grande solo 211 litri ma  abbassando il divano posteriore arriva a 533 litri, no problem!
Il suo aspetto fashion “arrotondato” a tutte curve sinuose nel frontale mi piace, visivamente mi fa sentire “protetta”  e non mancano i fari Led giusto per non passare inosservata e per farci vedere quando cambiamo direzione gli indicatori anche sugli specchietti …ah parafanghi muscolosi;) fate largo…arrivoooo!

Dentro è il regno della praticità, c’è tutto quel che serve e tanti portaoggetti. Buone le rifiniture e comodi i comandi al volante.

Andiamo sul tecnico..anzi sulla meccanica e sul portafoglio perché quando uno pensa al 4×4 si pone la domanda:  quanto consuma una macchina così?
State tranquilli con il nuovo motore dualjet
è  stato fatto un importante aggiornamento che non è nato per lo scatto 0-100 ma ha l’obiettivo primario di abbattere i consumi anche in presenza della trazione integrale.
Nello specifico, non è altro che un sistema di alimentazione con due iniettori per cilindro da cui una miglior miscela aria-carburante viene bruciata meglio ottimizzando i consumi (4,8 l/1 00 km quelli medi dichiarati dalla casa) e di conseguenza migliorano le emissioni di CO2 (111 g/km) grazie anche allo Start&Stop di serie.

Cosa manca?

La sesta marcia! Che è di una grande comodità per lunghi viaggi, soprattutto in autostrada a ogni modo pur mantenendo la quinta e spegnendo, ove permesso, il numero dei giri è perfetto anche a velocità elevate, i cambi di marcia sono precisi, suggeriti anche da una spia nel quadro strumenti.
Lei  è brillante e  ha una pronta risposta all’acceleratore. Buono lo sterzo che si fa notare nella guida in città, e sorpresa per le sospensioni non eccessivamente rigide e confortevoli nonostante qualsiasi strapazzamento. Piacevolissima da guidare e positivamente silenziosa.
Il mio commento finale? Provare per crederci! E state all’occhio con i concessionari Suzuki  per le promozioni e porte aperte…
Alla prossimaaaa!;)
p.s. tra le dotazioni della Swift spiccano i cerchi in lega, i fendinebbia, i privacy glass, le luci diurne DRL a Led, il sistema cruise control con comandi al volante, l’impianto audio con lettore CD/mp3 e presa USB, il volante e la leva del cambio in pelle,il climatizzatore automatico o manuale, il sistema keyless, il volante regolabile in altezza e profondità, il sensore crepuscolare per l’accensione delle luci (ALS), il navigatore integrato 2 DIN con Bluetooth e l’impianto frenante a quattro dischi per la versione B-Top.

faux halston dress replicalouboutin red sole christian louboutin faux

Ankle Cheap Christian louboutin Women Ron Ron Louboutin 100mm Red Black Pumps Sale Women.