Coppa Giulietta e Romeo 2020 vincono Margiotta e Bertieri su Volvo PV444 del ’47

Seguono sul podio gli Scapolo su Fiat 508 C della Nettuno Bologna e i Turelli della F.M. Franciacorta Motori su Lancia Aprilia.

Scuderia Volvo Club aveva chiuso il 2019 sul podio con la Coppa delle Alpi 2019 e inizia la stagione sportiva 2020 mantenendo alti i colori a tutto giri!
E’’ il siciliano di Campobello di Mazara (TP) Nino Margiotta, pilota ufficiale Volvo con al fianco il ferrarese Vincenzo Bertieri, a scrivere il proprio nome sull’albo d’oro della Coppa Giulietta & Romeo, gara organizzata dall’ACi Verona e prova d’esordio del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche Cireas, andato in scena sabato 8 febbraio 2020 nel versante veronese del Lago di Garda e che ha visto come cuore pulsante la splendida cittadina di Bardolino.

L’equipaggio ufficiale, braccio sportivo del Registro Italiano Volvo d’Epoca di Volvo Car Italia, è riuscito a interpretare al meglio le 62 prove cronometrate riuscendo ad aggiudicarsi la testa della classifica totalizzando soli 216,09 penalità sulla non agilissima Volvo PV444 del 1947, con la quale hanno conquistato la vetta del 3 Raggruppamento e della Categoria RC2 precedendo avversari fortissimi quali i padovani Alberto e Giuseppe Scapolo, vincitori del 2 Raggruppamento sulla Fiat 508 C del 1937 sotto le insegne della Nettuno Bologna (scuderia che si è aggiudicata la vittoria della classifica) e ancora la famiglia Turelli, Mario e Lorenzo, padre e figlio di Chiari portacolori della F.M. Franciacorta Motori con la sempre ammiratissima Lancia Aprilia del ‘37. Tra Margiotta e Scapolo, dopo l’attribuzione dei coefficienti che premiano le vetture più anziane, il distacco in classifica finale è stato di 25.03 penalità.

“Un risultato oltre le aspettative – ha detto Nino Margiotta – eravamo in forma, pensavamo che tutto fosse in quadro, ma il risultato è stato oltre quello che c’eravamo prefissati. Ottimi tempi, equipaggio assolutamente in sintonia nonostante questa fosse la prima gara ufficiale che facessimo insieme. La gestione delle prove davvero molto ritmate, l’abbiamo affidata alla nostra auto. La vettura si è comportata in maniera egregia nonostante una gara molto tecnica e impegnativa soprattutto per le prove in discesa molto ravvicinate. Infatti con quattro freni a tamburo, in discesa con la generosa mole, la nostra Volvo è riuscita a farci fare bene le prove nonostante a volte abbia dovuto faticare anche con il freno a mano per rallentarla. Tanto di cappello alla Volvo PV444.

Il programma di quest’anno prevede diverse puntate al Campionato Italiano che parte, quindi, per noi con grande energia”. Margiotta ha conquistato anche il Trofeo Luciano Nicolis, che ha premiato il migliore punteggio netto, ovvero prima dell’attribuzione dei coefficienti. E non solo. Con questa vittoria parte alla grande, confermando il trend vincente con il quale la Scuderia Volvo Club ha concluso il 2019  (nel campionato Italiano Grandi Eventi la Scuderia si è assicurata la vittoria assoluta, laureando Nino Margiotta vice campione italiano – N.d.r.)

Era in grande spolvero per buona parte della gara anche la coppia composta da Guido Barcella e Ombretta Ghidotti su Fiat 508 C del 1938 che alla fine si è dovuta accontentare di una quarta piazza nell’ipotetica classifica assoluta, e un podio di 2 secondo raggruppamento, precedendo i sempre insidiosi Alberto Aliverti e Stefano Cadei, sulla compagna di tanti successi Fiat 508C del ‘37 e ancora i portacolori del Classic Team su vettura gemella ovvero i coniugi bolognesi Massimo Zanasi e Barbara Bertini.

Primi tra le più recenti vetture RC4 l’eclettico drive vicentino Andrea Giacoppo in coppia con Daniela Grillone sull’agile A112 Abarth del Team Bassano.  

Tra i raggruppamenti, nel 3, vinto da Margiotta, spiccano anche Alessandro Gamberini ed Elena Farciroli del Classic Team sulla Fiat 1100/103, vettura identica a quella dei portacolori della Scuderia Brescia Corse Riccardo Roversi e Fabio Bellini, terzi di 3 Raggruppamento. A dominare il 4 Raggruppamento sono stati il bolognese della Nettuno Massimo Dalleolle navigato da Alessandro Traversi sulla bellissima Alfa Romeo Giulia Spider, mentre in 5 si sono messi in evidenza Massimo Vincenzo Bertoli e Doriano Vavassori sulla Lancia Fulvia Coupè della Franciacorta Motori. Si sono guadagnati l’applauso del pubblico e degli organizzatori, i siciliani Salvatore Cusumano e Alberto Carrotta, vincitori del 6 Raggruppamento sulla Autobianchi A 112 Abarth, vettura con la quale l’equipaggio del Classic Team ha letteralmente attraversato l’Italia per non perdere l’appuntamento veronese, dopo la mancata partenza del traghetto che dalla Sicilia avrebbe dovuto portarli in “continente”. Per loro una notte omaggio nella struttura quartier generale della gara, ovvero il prestigioso Hotel Caesaris Therme Spa e Resort. Tra le ladies, a dominare la classifica le esperte Federica Bignetti e Luisa Ciatti sulla Alfa Romeo Spider Veloce di 3 Raggruppamento del Club Motori Storici Lumezzane, mentre tra gli Under 30 sono arrivati al traguardo Zeno Mion e Nadia Guidoccio al debutto su Jaguard XK 120 OTS SE.


Il Campionato Italiano di Regolarità Auto Storiche vedrà impegnati i piloti, per la seconda tappa dell’anno, il 29 febbraio a Riva del Garda per la 27° coppa Città della Pace.

Ed è solo l’inizio 2020…giù il piede sempre! A tutto giri;)

Credits photo @Vito Cartafalsa

Ankle Cheap Christian louboutin Women Ron Ron Louboutin 100mm Red Black Pumps Sale Women.