Fiat TIPO – Test drive con gusto

Fuga ad Udine al volante della Fiat Tipo un mix di sapori, benessere e arte …la meta vale il viaggio!

Un salto in Friuli Venezia Giulia a Udine per scoprire il gusto, il relax e la storia dell’antica città.


Si parte da Milano in auto e si arriva al Best Western Plus Hotel Là di Moret.
Ecco qui il nostro video test

Da qui inizia il nostro percorso di delizie per il corpo il palato e la nostra cultura…


Abbiamo scelto di fare un focus proprio sulla Tipo, noi donne siamo Tipe speciali… vi ricordate ?
Il 26 gennaio 1988 esordì  la Fiat Tipo, erede della Fiat Ritmo che a sua volta aveva sostituito la Fiat 128. Dalla 1100 in avanti, le compatte Fiat hanno accompagnato le famiglie italiane, e non solo, lungo le strade dell’evoluzione sociale ed economica del nostro Paese e dell’intera Europa. Fin da subito risultò la scelta ottimale per tanti giovani professionisti padri di famiglia alla ricerca di un prodotto concreto, moderno e al contempo elegante.

La Fiat Tipo di trent’anni fa era figlia di un progetto innovativo in ogni suo aspetto. Gli ingegneri Fiat concepirono un modello capace di offrire un alto livello di guidabilità, di prestazioni, di comfort e sicurezza, senza rinunce, e si concentrarono come mai prima sugli aspetti ergonomici. La Tipo “brillava” per la precisione costruttiva, grazie a tecnologie di produzione innovative, e per i materiali pregiati che garantivano affidabilità e qualità. Un’automobile quindi apprezzata per la sua funzionalità, semplicità e personalità.


Queste caratteristiche si ritrovano nella Fiat Tipo attuale, che si rifà allo spirito dell’antesignana. È infatti un’inedita miscela di tecnologia, robustezza e funzionalità, che ha conquistato il segmento C, grazie alla forza della sua concretezza. È sul podio in Italia tra le vetture più vendute del 2017 e leader del segmento C il 20,7% di quota nell’anno, ed è stata scelta da oltre 180.000 automobilisti nella regione EMEA. Inoltre, per il secondo anno consecutivo si è confermata la vettura con il più alto tasso di crescita in Europa.


Proviamo un auto intelligente perche la dote della fiat tipo richiama quella degli anni 80…all’epoca la Fiat Tipo  era una vettura  abbastanza economica ma con lo spazio di una ammiraglia e anche questa che è costruita inTturchia nasce come low cost i prezzi partono da 12-13 mila euro certo ma per averne una come questa che stiamo provando lievitano un po’  nella  media  comunque siamo intorno ai 15 mila euro che la rendono molto appetibile….

Alla guida da molta soddisfazione,  nell’uso pratico gli interni della Tipo sono di solito sobri ma in questa  versione che noi proviamo  troviamo il volante in pelle i sedili in pelle ecologico che  danno una certa importanza,  un contenuto veramente ricco ma cosa più importante è quello che si respira lo spazio a bordo con tanto confort…


Per un auto cosi razionale il regno è l ‘autostrada, abbiamo percorso oltre 700 km,  dove a parte un rumorosità accentuata si viaggia con la sensazione di sicurezza, ricordiamo che in autostrada ha anche il controllo adattativo della velocità, che non è male soprattutto in una vettura di questa categoria e anche nelle strade extraiurbane dove la vettura è stabile ha una accelerazione notevole. Si guida bene e per una famiglia è davvero ideale!


In città  il punto forte è la maneggevolezza, ricordiamo la funzione city della Fiat che rende leggero lo sterzo e questo nella guida nelle stradine strette nel traffico e soprattutto nei parcheggi aiutati dalla telecamera aiuta molto…


I suoi numeri
Dal punto di vista delle dimensioni, il modello a 5 porte è lungo 4,37 metri, largo 1 metro e 79 centimetri e alto 1,50 m. La capacità di carico sotto la cappelliera è di 440 litri.
Come il modello berlina, anche la Fiat Tipo a 5 porte si rivela accogliente e pratica, ideale per viaggi confortevoli. Trovano comodamente posto cinque passeggeri, anche di notevole statura: viaggiano comode sia davanti e sia dietro persone alte 1,85 mt.


La nostra compagnia di viaggio ci ha portate a fare una fuga in Friuli Venezia Giulia… guardate un po’ cosa abbiamo scovato per voi Amiche e Amici…


 Udine …  fermarsi a Là di Moret che bontà!
Un nome all’apparenza curioso, ma che non è altro che il soprannome con cui veniva chiamata la famiglia che da più di cinque generazioni sapientemente guida questa struttura, simboleggia in modo imprescindibile l’hotellerie e la ristorazione di alta qualità di un territorio incredibilmente ricco di storia e cultura, anche gastronomica, ancora poco conosciuto.


I Marini, o meglio i Morèt, per via dei capelli scuri, nel 1905 aprono una piccola osteria con una stalla e un grande cortile con un deposito dove far riposare i cavalli, e rifocillano gli avventori di passaggio con un’accoglienza calda ma non invadente – la stessa che si riserva agli amici veri – e offrono loro pane, salame, formaggio e frittate. Proprio in questa semplice eppure eccellente formula adottata dal patriarca Giovanni, sta il successo ottenuto e consolidato nel tempo dalla famiglia Marini: l’ospitalità genuina e vivace secondo i canoni del Friuli autentico, unita all’eccellenza della proposta enogastronomica, hanno infatti reso il Best Western Plus Hotel Là di Moret Udine punto di riferimento di questa terra.

Siamo a Udine, nel cuore del Friuli Venezia Giulia, e l’insegna “Là di Moret” costituisce una vera e propria garanzia – confermata anche dai prestigiosi riconoscimenti ottenuti nel corso degli anni, primi fra tutti i numerosi Awards Best of Alpe Adria – che si rinnova quotidianamente non solo nella cucina de “Il Fogolar” ma significa anche accoglienza a 360° per coinvolgere i gourmet e tutti gli ospiti, tutti i viaggiatori che hanno voglia di farsi coccolare dal comfort delle 86 camere e usufruire degli alti standard internazionali dei servizi dell’hotel – all’ avanguardia quelli dedicati alle donne e degni di nota per l’eccellenza e la flessibilità quelli dedicati alla clientela business e al mondo MICE – e sperimentare i percorsi beauty & wellness della Blu Moret SPA.

In particolare, varcare la soglia de “Il Fogolar” e sedersi vicino al caminetto posto al centro della sala il cui soffitto è ricoperto da quasi 600 Piatti del Buon Ricordo – associazione a cui questo ristorante aderisce dal 1968 -, non è semplicemente sentirsi a casa, ma vivere e condividere un’intera regione che, proprio davanti al “fogolar”, ha costruito la sua cultura genuina e orgogliosa, grazie anche all’ indole lavoratrice e instancabile.

Si sta bene con il maître Renato Gazzola al quale non sfugge niente, e appaga la selezione di vini di Juri Cossa che ben promuove in primis i vini friulani con curiosa ricerca tra grandi nomi e piccole realtà anche fuori dal coro; del resto, ad una manciata di chilometri c’è il terroir del Collio (area collinare che si estende tra l’ Isonzo e lo Iudrio, delimitata a sud dalla pianura friulana e divisa tra Italia e Slovenia) e l’area dove sono nati i grandi vini naturali come quelli in anfora di Josko Gravner e di Stanko Radicon. Una carta dei vini che davvero può essere definita “ricca”.


Con “tanto di tutto” in fatto di prodotti e vini d’eccellenza, non poteva mancare una cucina in grado di emozionare, con serietà e dedizione d’altri tempi, come quella di Stefano Basello, chef executive dal 2010. Stefano non è solo uno chef ma un vero e proprio artista della sua passione, in cui anima tradizione e amore si fondono in una vera e propria poesia! Merita la stella Michelin #michelin …mi chiedo ancora come non l’abbia ricevuta … i suoi piatti parlano da soli ma il gusto è onore alla terra, prodotti naturali e ricercati che cerca lui stesso per i colli…noi di stylejump lo consigliamo a pieni voti!!! Il viaggio a Udine vale la degustazione del suo menù… e poi un po’ di benessere tra spa e passeggiata sotto l’Angelo della città….una vista mozzafiato 😉 E’ a lui che si devono continuità e ricerca, ed è lui la guida di un viaggio di gusto tra mare e terra, tra laguna e colline, tra fiumi, boschi, pascoli e le più incontaminate vallate carniche.
Basello, con la sua grande esperienza e quel tocco da folletto dei boschi, incanta tra cotture e consistenze, tra ricerca e modernità che profuma di tradizione. La regione e la natura sono i suoi pezzi forti, come il menu “altitudini” realizzato con materie prime (fieno, erbe, formaggi, acqua …) di piccoli produttori artigianali, oppure quelli realizzati con l’importante collaborazione di Valeria Margherita Mosca a caccia del commestibile tra erbe e piante selvatiche (erbe, licheni, cortecce, rabarbaro selvatico, gemme di pino …) – così come era consuetudine nell’’800 – durante le uscite quotidiane all’alba, da marzo a ottobre. Impossibile non assaggiare il Tortelfrico, tortello croccante come la crosta del frico, con ripieno di Montasio morbido e profumo di cipolla non invadente, e altrettanto impossibile resistere al Risotto agli scampi e Picolit (prezioso e quasi introvabile). Non mancano carni d’allevamento di primissima qualità, pesce, freschissimo, che arriva quotidianamente dalla vicina laguna di Marano e Grado, e i numerosi prodotti agricoli della ricca campagna friulana.


Per un’offerta enogastronomica completa, nella veranda ecco l’ambiente giovane e dinamico dell’Insolito Moret American Bar & Restaurant creato per pranzi veloci ma all’insegna della qualità – imperdibili le mitiche Mezzemaniche alla Moret – , aperto dal sontuoso buffet della prima colazione, punto di riferimento della città per aperitivi, drink e cocktail, vini pregiati, e i migliori whisky e rhum invecchiati.


Da oltre un secolo il simbolo della storia, della cultura e dei valori della tradizione e dell’ospitalità del Friuli Venezia Giulia E poi un giro in centro a scoprire gli affreschi del Tiepolo  alle piazze su cui si affacciano logge gotico-veneziane

Torniamo a bordo della Fiat Tipo  qualcosa di più…
L’allestimento Easy offre di serie 6 airbag, ESC e Hill Holder, il sistema di monitoraggio della pressione degli pneumatici TPMS, sensori di parcheggio posteriori, fari fendinebbia. Una ricca serie di dispositivi per la sicurezza, quindi, ma non solo: il sedile guida regolabile in altezza, il divano posteriore sdoppiato, gli specchietti regolabili elettricamente e il condizionatore manuale garantiscono comfort. Di serie anche il sistema di infotainment UconnectTM radio con ingresso AUX e USB, interfaccia Bluetooth e comandi al volante.


La versione Lounge offre cerchi in lega da 17″, bicolore diamantati preziosi dettagli cromati, proiettori con luci diurne a LED, volante e pomello del cambio in pelle per uno stile ancora più ricercato. Per il comfort e la sicurezza, climatizzatore automatico, cruise control, appoggiabraccia anteriore, sedile guida con regolazione lombare, alzacristalli elettrici posteriori e luci diurne a led. La dotazione tecnologica si arricchisce con il sistema UconnectTM 7″ HD LIVE con touch-screen a colori da 7″ ad alta risoluzione e schermo capacitivo che permette il “pinch&swipe”, ovvero un utilizzo del tutto simile a quello dei moderni tablet.

 




Ankle Cheap Christian louboutin Women Ron Ron Louboutin 100mm Red Black Pumps Sale Women.