RENAULT Grand Scenic – TEST DRIVE

Al volante della Renault Grand Scenic 1.600 cc dCi Bose

Il 1 marzo 2016, al Salone di Ginevra, Carlos Ghosn, Presidente e Direttore Generale del Gruppo Renault, e Laurens van den Acker, Direttore del Design, presentano la nuova SCENIC.
L’obiettivo, con questa 4a generazione, è quello di proporre un’interpretazione nuova della monovolume compatta.
Per la prima volta su Scénic, un ampio parabrezza, come su Espace, offre una visione panoramica e migliora la visibilità laterale.
Diversi elementi stilistici rendono dinamiche le proporzioni della nuova SCENIC: rispetto a Scénic 3, l’altezza dal suolo è aumentata, lo sbalzo posteriore è ridotto e le ruote sono posizionate ai quattro angoli con delle carreggiate allargate sia nella parte anteriore che in quella posteriore.
L’abbiamo vista e ora la proviamo.

Noi siamo al volante della 7 posti, la Grand Scenic lunga 4,63 mt, 24 cm in più rispetto il modello precedente.
Subito salendo a bordo ci accorgiamo della sua eleganza in questo allestimento Bose, ma soprattutto del suo interno ancora più generoso di spazio e confort per tutti gli occupanti ma anche per un bagagliaio cresciuto di 40 dmc ed espandibile fino a 765 dmc con 5 persone a bordo.


Il dettaglio non è lasciato al caso come i materiali di qualità e lavorazioni artigianali che danno un particolare tocco di eleganza al modello.
Diverse sonole modalità di guida, confort, neutral, green, sport, e personal.
A ciascuno la sua, ma anche per la tipologia di viaggio, In città abbiamo utilizzato sempre quella eco, e poi la nostra preferenza è stata per il confort, con l’impostazione del massaggio e la sport per salite e percorsi vivaci.
Più la si guida e più viene la voglia di non scendere di fare una sosta, sempre di toccare il cielo con un dito con il tetto panoramico, bello, quel dettaglio che piace e fa piacere condividerlo con più persone a bordo.
Guardandola fuori il suo design, il suo stile è davvero stiloso ed aerodinamico con una parte posteriore ridisegnata nel portellone e nei gruppi ottici con grafica 3D e anche una piacevole veste bicolore.

Il nostro interesse è rapito dal sistema One Touch movimenta con facilità i sedili della seconda e terza fila per accogliere carichi lunghi anche 2,85 mt.
La tecnologia non è passata inosservata come il sistema R-Link 2 di infotainment con schermo da 8’7″ e la tecnologia Multi Sense e i tantissimi dispositivi per incrementare la sicurezza sostituendosi anche al pilota in funzioni come la frenata d’emergenza, il riconoscimento del pedone, il controllo dell’angolo cieco, il riconoscimento dei segnali, il Park Assist, ecc.

Le motorizzazioni disponibili sono i benzina Energy TCe da 115 e 130 CV e i diesel Energy DCi da 110, 130 e 160 CV; c’è poi la nuova versione DCi 110 Hybrid Assist di cui non sono ancora note le caratteristiche tecniche. Per il cambio c’è la disponibilità di un sei marce doppia frizione di serie sul diesel più potente e a richiesta a sette marce sul 110 CV.


La Grand Scenic è un’auto spaziosa e molto comoda, soprattutto nei lunghi viaggi. Lei è decisamente la vettura ideale per la famiglia, una famiglia numerosa!
Alla prossima
#KISS



Ankle Cheap Christian louboutin Women Ron Ron Louboutin 100mm Red Black Pumps Sale Women.