LA CUCINA ITALIANA è DONNA! Michelin in Italia, da 60 anni e oltre accanto a chi viaggia

Super celebrazione per la Guida Michelin Italia: 60!  Alla sua festa stellata…non potevo mancare! Lei non va in pensione! Sembra nata ieri! Ogni edizione nasconde, tra i simboli e le pagine, storie antiche, di famiglie che offrono piatti dalle ricette tradizionali e di un’Italia che rinasce dopo la guerra. “dai piccoli simboli dell’Italia senza riscaldamento alla versione…

Super celebrazione per la Guida Michelin Italia: 60! 
Alla sua festa stellata…non potevo mancare!

Lei non va in pensione! Sembra nata ieri! Ogni edizione nasconde, tra i simboli e le pagine, storie antiche, di famiglie che offrono piatti dalle ricette tradizionali e di un’Italia che rinasce dopo la guerra.

dai piccoli simboli dell’Italia senza riscaldamento alla versione social del 2015″

sessant’anni di storia d’Italia e di Michelin!

L’Italia ha il maggior numero di chef donne stellate: più del 40% delle chef donne stellate nel mondo

La Guida Michelin Italia è la seconda guida al mondo per numero di ristoranti stellati: 332

Massimiliano Alajmo, del ristorante Le Calandre, di Rubano (Padova), è lo chef che è entrato nell’Olimpo dei tre stelle Michelin alla più giovane età e che tuttora detiene il primato di più giovane chef del mondo ad aver ottenuto le tre stelle

ECCO MASSIMILIANO CHE RICEVE IL PREMIO!

Alcuni dei piatti durante la serata: provati tutti!


Croccantino Di Fois Gras- Anni Duemiladieci by Massimo Bottura
Involtini di scampi fritti con salsa di bottarga – Anni Novanta by Massimiliano Alajmo


Una delle gigantesche e squisite torte! -Anni Sessanta 


La storia

La Guida Michelin la chiamano “la” guida per eccellenza. Nasce in Francia nel 1900. Allora, era un libretto che aveva lo scopo di spingere i pochi automobilisti francesi del tempo a viaggiare di più, fornendo gli indirizzi dei posti migliori per mangiare e dormire. Una guida nel 1900, oggi 24 in tutto il mondo.
La Guida Michelin Italia nasce nel 1956, con il titolo Dalle Alpi a Siena. Ogni edizione nasconde, tra i simboli e le pagine, storie antiche, di famiglie che offrono piatti dalle ricette tradizionali e di un’Italia che rinasce dopo la guerra. Tra queste, c’è la storia di Arnaldo Degoli, che nasce a Rubiera il 28 ottobre del 1907 da genitori custodi di un podere di contadini. Insieme a Lina, Arnaldo apre il ristorante dandogli il proprio nome. Sarà una delle 81 stelle del 1959 e la più longeva. L’attuale Arnaldo Clinica Gastronomica brilla ancora oggi di una stella, dopo oltre 50 anni.

Storie d’Italia, e di come si viaggiava sessant’anni fa. La Guida del ’56 è fonte di sorprendenti curiosità: nella pagina delle Formalità per gli italiani che si recano all’estero, si scopre che per andare in Austria, Belgio, Francia, Svizzera e Germania non è necessaria la patente “per vettura propria”. Anche i primi simboli sono piccoli, ma espressivi testimoni dell’epoca: un termosifone indica la non scontata presenza di riscaldamento, una minuscola vasca il “Bidet con acqua corrente”, un rubinetto, una brocca con la bacinella e una candela “Solo acqua corrente fredda”, “Senza acqua corrente” e “Senza elettricità”.

Dal 1957 la Guida copre tutto il territorio nazionale e nel 1959 compaiono le prime stelle. Sono stelle “uniche”: non esistono ancora le due e le tre stelle.

Negli anni Sessanta, la cartina d’Italia nelle prime pagine rivela che l’autostrada Torino-Venezia è completata. Fa la sua apparizione il simbolo dell’aria condizionata e spariscono il rubinetto, la brocca con la bacinella e la candela. Dal 1969 brillano anche le due stelle: “Tavola eccellente: merita una deviazione”, con l’avvertenza: “Non aspettatevi una modica spesa per dei pasti di simile classe”.

Negli anni Settanta, gli alberghi sono più confortevoli (ma ce ne sono senza riscaldamento), le cartine individuano i “Pasti accurati a prezzi modici”, i principali vini, gli alberghi ameni, gli sport invernali.
Nel 1986 appare per la prima volta il simbolo delle tre stelle, “Una delle migliori tavole: vale il viaggio”, che incorona Gualtiero Marchesi. Già lontani i tempi dell’acqua fredda e del buio, l’Italia gode di buona salute e il cibo viene considerato non solo una necessità, ma un’esperienza di gusto: nelle prime pagine della guida si dà “Qualche consiglio sull’accostamento vini-vivande”.
Negli anni Novanta compaiono i pittogrammi di “sauna” e “palestra”, mentre un Omino rosso ammiccante, il Bib Gourmand, segnala “Pasti accurati a prezzi contenuti”.
Gli anni 2000 testimoniano, anche su carta, la tendenza ormai irrefrenabile all’uso di Internet, con il simbolo del wifi, ma anche un’attenzione alla spesa, con l’introduzione del simbolo delle monetine, che indica un pasto semplice al di sotto di una cifra contenuta.
 
In sessant’anni, il Paese è cambiato e la Guida ha registrato, lungo le strade e nelle tappe dei viaggi di tutti, i cambiamenti di vita, gusto, tendenze. Ha narrato l’evoluzione della ristorazione in Italia, parlando sempre il linguaggio dei simboli, internazionale e comprensibile a tutti, e del suo tempo, dal minuscolo simbolo della candela, a indicare la mancanza di elettricità, a quelli della App del 2015.
Gli stessi 60 anni sono stati testimoni dello sviluppo di Michelin, sia dal punto di vista commerciale che industriale. Sono anni che vanno di pari passo con il boom economico del Paese, che si è evoluto cambiando profondamente, nel modo di viaggiare e di comunicare. Michelin è stata protagonista di questi cambiamenti nello stesso spirito che anima la Guida, offrendo un aiuto concreto agli italiani nei loro viaggi.

Lo ha fatto con prodotti innovativi, come lo pneumatico radiale, che è stato una vera e propria rivoluzione nel settore, o il primo pneumatico verde della storia a basso consumo di carburante. Tutte e due sono invenzioni di Michelin. Lo ha fatto con le guide turistiche, le carte stradali e con le App, tra cui, naturalmente, la novità Michelin Ristoranti 2015. Prodotti, servizi, ma anche società. Nel 1963 nasceva lo stabilimento di Cuneo, che oggi non solo è il più grande stabilimento Michelin di pneumatici dell’Europa Occidentale, ma la realtà industriale del settore più importante nel nostro Paese.

Così commenta Lorenzo Rosso, Presidente della Michelin Italiana

“La missione di Michelin è, dall’inizio della sua storia, contribuire al progresso e allo sviluppo della mobilità, inventando prodotti, soluzioni, servizi, strumenti sempre nuovi e al passo con i tempi, per rispondere all’esigenza dell’uomo di muoversi, viaggiare, spostare e scambiare i propri beni. A questo lavorano i 6.000 ricercatori dei Centri di Tecnologia in America, Europa e Asia, come ognuna delle 111.000 persone attive in tutti i settori Michelin. Da qui nascono gli pneumatici da bicicletta, moto, auto, mezzi agricoli, autocarri, aerei, ma anche le carte stradali, gli itinerari calcolati su ViaMichelin, le App, le guide turistiche e la Guida “Rossa”.”

Federico Ferrero  MasterChefItalia

Curiosità: quando la Guida Michelin sbarcò in Normandia…

“Guarda, con un paio di braccia in più sembrerebbe un ometto!”

Questa frase è l’abracadabra che fa nascere l’Omino Michelin da una pila di pneumatici disposti artisticamente all’Esposizione Universale e Coloniale di Lione del 1894. Il visitatore che la pronuncia è un imprenditore esordiente, Édouard Michelin. Una pila di pneumatici nel 1894. Oggi, 171 milioni. Ma anche 13 milioni di carte e guide e 1,2 miliardi di itinerari calcolati sul web. Tutto questo è Michelin. La storia di Michelin inizia con uno pneumatico da bicicletta e continua arricchendosi di prodotti, servizi, strumenti. Pochi sanno che gli americani sono sbarcati in Normandia con… la Guida Michelin in mano! In preparazione dello sbarco, il Comando Alleato decide di far riprodurre l’ultima edizione della guida, quella del 1939, per avere a disposizione la raccolta completa delle piante delle città. Le guide vengono stampate a Washington e distribuite agli ufficiali. Portano la dicitura sulla copertina: «For official use only».

copy red bottoms knockoff christian louboutin luxury shoes copys

incondizionatamente, ci sono molti aspetti che probabilmente pensare di assistenza sanitaria. Far-famed sono rimedi che vengono utilizzati per ridurre la febbre causata da crampi, ecc vi sono diversi rimedi per curare l’impotenza maschile. Se state pensando di Cialis negli Canada, è forse desidera studiare circa . Qualcuno ti ha detto di “”? Un sacco di farmacie lo descrivono come “”. In generale, avendo difficoltà a raggiungere l’erezione può essere sconcertante. Qualsiasi farmaco può influenzare il modo in cui altri farmaci funzionano, e di altri farmaci possono influenzare il modo in cui si tratta di opere, causando effetti partito pericolosi. Seguire le indicazioni per l’uso sulla vostra etichetta di prescrizione.

Ankle Cheap Christian louboutin Women Ron Ron Louboutin 100mm Red Black Pumps Sale Women.